Per la Giornata mondiale dei Poveri

Per la Giornata mondiale dei Poveri

  • Autore: DG
  • Hits: 246
  • Lingua: Italiano English

Carissimi confratelli,

Papa Francesco al termine dell’anno della misericordia, ha annunciato la celebrazione della Giornata Mondiale dei Poveri (GMP) da celebrare la Domenica XXXIII del Tempo Ordinario. Questa prima GMP sarà domenica 19 novembre.

Nella lettera che ha inviato a tutta la Chiesa per questa occasione -Non amiamo a parole ma con i fatti-, papa Francesco spiega che ha voluto offrire alla Chiesa questa GMP, “perché in tutto il mondo le comunità cristiane diventino sempre più e meglio segno concreto della carità di Cristo per gli ultimi e i più bisognosi”. E invita la “Chiesa intera e gli uomini e le donne di buona volontà a tenere fisso lo sguardo, in questo giorno, su quanti tendono le loro mani gridando aiuto e chiedendo la nostra solidarietà”.

Questa Giornata, continua papa Francesco, “intende stimolare in primo luogo i credenti perché reagiscano alla cultura dello scarto e dello spreco, facendo propria la cultura dell’incontro”. Questo è un invito particolare a fare attenzione all’individualismo e indifferenza che si vanno diffondendo, a lottare contro l’egoismo e il consumismo che ha come criterio “usa e getta”, e quindi questa lettera è un’esortazione ad uscire da noi stessi e aprirci “alla condivisone con i poveri in ogni forma di solidarietà, come segno concreto di fratellanza”.

Il Papa infine chiede ai “confratelli vescovi, ai sacerdoti, ai diaconi, alle persone consacrate… di impegnarsi perché con questa GMP si instauri una tradizione che sia contributo concreto all’evangelizzazione nel mondo contemporaneo”.

Noi, Missionari Saveriani, accogliamo questa Giornata come un dono del Signore. Siamo convinti che la condivisione con i poveri “ci permette di comprendere il Vangelo nella sua verità più profonda”, e che l’amore di Dio passa attraverso lo sguardo che poniamo nei nostri fratelli e sorelle più bisognosi (cfr C 9,27).

Vogliamo impegnarci perché questa GMP raggiunga la finalità per la quale papa Francesco l’ha proposta alla Chiesa e dunque a noi tutti. Invitiamo quindi a fare questi passi:

  1. Leggere personalmente con attenzione e meditare la lettera del Papa: “Non amiamo a parole ma con i fatti”.
  2. Farne una condivisione a livello comunitario.
  3. Cercare dei gesti concreti di condivisione e solidarietà. Le forme di povertà sono tante. Attenzione a non dare dal superfluo.
  4. Animare, educare e formare le comunità cristiane e i differenti gruppi che accompagniamo ad entrare nello spirito che vuole papa Francesco per questa Giornata.

Siamo chiamati a «tendere la mano ai poveri, a incontrarli, guardarli negli occhi, abbracciarli, per far sentire loro il calore dell’amore che spezza il cerchio della solitudine».

«Se volete onorare il corpo di Cristo, non disdegnatelo quando è nudo; non onorate il Cristo eucaristico con paramenti di seta, mentre fuori del tempio trascurate quest’altro Cristo che è afflitto dal freddo e dalla nudità» (San Giovanni Crisostomo).

Fraternamente,

I confratelli della DG


 

Dear brothers,

At the end of the Jubilee of Mercy, Pope Francis announced the celebration of the First World Day of the Poor, to be held on the 33rd Sunday in Ordinary time, which falls this year on Sunday, 19 November.

In the letter he wrote to the entire Church for this occasion –Let us love, not with words but with deeds -, Pope Francis explains that he wanted to offer this Day to the Church “so that throughout the world Christian communities can become an ever greater sign of Christ’s charity for the least and those most in need”. He also invites “the whole Church, and men and women of goodwill everywhere, to turn their gaze on this day to all those who stretch out their hands and plead for our help and solidarity”.

This Day, continues Pope Francis, “is meant, above all, to encourage believers to react against a culture of discard and waste, and to embrace the culture of encounter”. This is a special invitation to become aware of the individualism and indifference that are spreading, and to oppose the egoism and consumerism, whose criterion is “discard and waste”, looking beyond ourselves and opening up to “sharing with the poor through concrete signs of solidarity and fraternity”.

Finally, the Pope asks his “brother bishops, all priests and deacons, consecrated persons … to help make this World Day of the Poor a tradition that concretely contributes to evangelization in today’s world”.

We, the Xaverian Missionaries, welcome this Day as a gift from the Lord. We are convinced that sharing with the poor “enables us to understand the Gospel in its most profound truth”, and that the love of God passes through the way we look upon our most needy brothers and sisters (cf. C 9; 27).

We want to commit ourselves to ensure that this World Day of the Poor achieves the goal proposed by Pope Francis to the Church and, consequently, to all of us. We therefore invite you to take the following steps:

  1. Read the letter Let us love, not with words but with deeds personally and carefully and meditate upon it.
  2. Share your reflections at community level.
  3. Look for some concrete gestures of sharing and solidarity. There are many forms of poverty. We should carefully avoid giving only from what we can spare.
  4. Animate, educate and form the Christian communities and the various groups we accompany to embrace the spirit proposed by Pope Francis for this Day.

We are called to «reach out to the poor, encounter them, look them in the eye, embrace them and make them feel the warmth of the love that breaks down the barriers of solitude».

«If you wish to honor the body of Christ, do not disdain him when he is naked; do not honor the Christ in the Eucharist with silk vestments, whilst outside the temple you ignore the Christ who is afflicted by the cold and nakedness» (St. John Chrysostom).

Fraternally,

The confreres of the General Direction

Data

Thursday, 09 November 2017
Logo saveriani

XAVERIAN MISSIONARIES
Copyright © 2017

This site uses cookies in according to privacy, copyright & cookies policies. By clicking "OK" the user accepts that use.